L’intervento giusto per aumentare il volume del seno, ma anche per migliorarne solo la forma, è la Mastoplastica Additiva.

È diventato ormai l’intervento più usuale nell’ambito della chirurgia estetica e quest’intervento dura DAI 40 ai 60 minuti, eseguito per la maggioranza dei casi in dayhospital.

Tramite quest’intervento vengono inserite delle protesi mammarie che sono fondamentalmente di due grandi categorie:

  • Protesi mammarie Anatomiche, hanno una forma a goccia con un profilo naturale;
  • Protesi Rotonde, sono quelle più tradizionali e che riempiono  di più il polo superiore del seno.

Le incisioni che vengono eseguite  in un intervento di Mastoplastica Additiva sono intorno all’areola, nel solco sotto – mammario, oppure nella regione ascellare, ma questa tecnica viene utilizzata più raramente.

Le protesi vengono messe su un piano, detto Dual Plain, in modo che il muscolo pettorale copra la protesi nella porzione superiore.

Le protesi che normalmente vengono utilizzate per questo tipo di intervento sono di due forme, una più rotonda , che riempie maggiormente il polo superiore ed una più anatomica.

Come si svolge l’intervento??

L’intervento si svolge in sala operatoria, quindi è un vero e proprio intervento chirurgico in anestesia generale.

Quali tecniche di chirurgia si utilizzano?

La Mastoplastica Additiva prevede l’utilizzo di più tecniche chirurgiche. La tecnica più tradizionale è la tecnica “sotto – ghiandolare”, dove il chirurgo inserisce al di sotto della ghiandola mammaria la protesi.

Un’altra tecnica utilizzata, ma ormai un po’ in disuso, è la tecnica “sotto – muscolare”, dove la protesi viene messa completamente sotto al muscolo grande pettorale.

Ma la tecnica più moderna ed efficiente è la cosiddetta tecnica “Dual Plain” che prevede il polo superiore coperto dal moscolo pettorale ed il polo inferiore al di sotto della ghiandola mammaria, questo consente di dare un risultato molto più naturale nel tempo.

Le cicatrici sono visibili??

Nella Mastoplastica Additiva, le vie di incisione e quindi le vie di accesso per fare questo intervento, sono fondamentalmente tre:

  • a metà dell’areola;
  • solco sotto – mammario;
  • via ascellare.

Queste cicatrici che sono lunghe circa 3/4 centimetri, a distanza di tempo sono praticamente invisibili.

 

È vero che le protesi al silicone sono pericolose?

No, le protesi al silicone non sono pericolose. Prima di tutto il silicone è la sostanza in medicina più studiata al mondo, è una delle sostanze più inerti che ci siano. È stato ampiamente dimostrato che non da origini a malattie del collagene oppure al tumore mammario e sicuramente queste protesi moderne, che sono costituire da gel altamente coesivo, sono estremamente sicure.

Quanto durano le protesi?

Prima le  protesi erano garantite 10 anni, ma oggi non è  più cosi, in quanto  ci sono alcune protesi, prodotte in America, che sono garantite per tutte la vita, per cui anche  le donne molto giovani, non avranno bisogno di sostituirle.

Dopo l’intervento, ci sono delle indicazioni particolari da seguire??

Nelle prima 24/48 ore di riposo, è comunque possibile effettuare movimenti quotidiani, come ad esempio, muovere le braccia.

Dal terzo giorno sarà anche possibile guidare o fare una leggera attività fisica, fino a che, ad una settimana dall’intervento si possono rifare il 70/80% delle cose che si facevano prima e ad un mese dall’intervento è possibile fare tranquillamente tutto ciò che si faceva prima di essere operata.

Chiedi la tua consulenza Gratuita con il nostro Chirurgo estetico.

http://www.centropolimed.it/chirurgia-plastica-del-corpo.htmlmastoplastica_additiva_tullia_taidelli_slide

Mastoplastica: informazioni utili per l’ aumento del seno.